SCUOLA ACCREDITATA
FISIeO


























































CHE COS’È LO SHIATSU

Lo shiatsu è un'arte giapponese che, come l'agopuntura, stimola e bilancia l'energia del corpo tramite l'uso di pressioni naturali sui meridiani e su aree riflesse del corpo.

Lo shiatsu aiuta a combattere lo stress, le tensioni muscolari, rinforza le aree più deboli e regola le funzioni degli organi interni, incluso il sistema immunitario. L'operatore usa anche tecniche di stiramento, massaggio e rilassamento strutturale, e tramite il tatto è in grado di attivare nel paziente l'innato meccanismo di riequilibrio, provocando così una grande sensazione di benessere nel corpo, nella mente, nello spirito.


ASCOLTARE CON LE MANI

La vera radice dello shiatsu è semplice, si trova nella reazione istintiva di toccare la parte dolente perchè lo shiatsu stimola la capacità di auto-guarigione.
"Shi" significa dita e "atsu" significa pressione. L'operatore applica, con il pollice e con il palmo, occasionalmente con i gomiti o le ginocchia, diversi tipi di pressione lungo questi meridiani e su diverse aree per preservare e riequilibrare il flusso di energia attraverso organi, ghiandole, muscoli, articolazioni, sangue ed in tutto il corpo.
Vengono utilizzate anche tecniche di stiramento ed aggiustamenti strutturali per ottenere l'armonizzazione dell'intero sistema energetico.
La pratica dello Shiatsu si rivolge sia a quelle affezioni che sono al limite fra lo psichico e il somatico (ansia, depressione ecc.) sia a quelle turbe che pur non essendo malattie vere e proprie risultano essere effetto di un disordine della funzionalità organica (emicranie, gastriti ecc.) come pure ai disturbi dell'apparato scheletrico (cervicalgie, dorsalgie, lombalgie).
Il trattamento sia in fase preventiva a seguito di un generico disagio o malessere, sia nella forma legata ad uno specifico disturbo, può portare al ristabilimento delle condizione di salute.

Lo shiatsu non produce effetti collaterali indesiderabili e qualsiasi fenomeno possa verificarsi in questo senso dipende da reazioni spontanee e naturali di adeguamento dell’organismo, variabili da persona a persona.


IL PUNTO DI VISTA OCCIDENTALE

ENDORFINE:
L’agopuntura e lo shiatsu stimolano il corpo a livello biochimico nella produzione degli antidolorifici naturali chiamati ENDORFINE, conosciute anche come ORMONI ANTISTRESS.

TEORIA DEL GATE CONTROL:
Il dolore viene trasmesso dalla periferia al cervello attraverso il midollo spinale. Esiste un meccanismo, “gate” (cancelli), che funziona a livello del midollo il cui compito è quello di porre un filtro ai messaggi di tipo dolorifico impedendogli di raggiungere il cervello. L’inserzione di aghi sottili nell’agopuntura o la pressione perpendicolare e sostenuta dello shiatsu possono favorire la chiusura di questi cancelli, che possono alle volte presentare un malfunzionamento quando ci troviamo ad attraversare un periodo di forte stress, diminuendo la sensazione del dolore generalizzato. Le endorfine (vedi sopra) possono agire sulle vie del dolore in maniera inibitoria agendo direttamente sul meccanismo del GATE CONTROL.

SISTEMA NERVOSO AUTONOMO:

Il sistema nervoso autonomo è responsabile della coordinazione e conduzione di tutti riflessi e le funzioni involontarie del corpo. Lo shiatsu stimola la funzione conservatrice, rigeneratrice e guaritrice di quella parte del SNA denominato PARASIMPATICO, inibendo invece la risposta FIGHT OR FLIGHT del sistema ORTOSIMPATICO, che, quando si trova in uno stato di iperattività, mette sotto pressione, causandone il logoramento, il nostro corpo e la nostra mente.

TEORIA DEL TRIGGER POINT: Attraverso una ricerca clinica alcuni medici occidentali hanno scoperto l’esistenza di punti specifici nel corpo dove si verifica un accumulo di tensione e che, se stimolati, hanno una particolare efficacia nell’alleviare il dolore nel sistema muscolo-scheletrico. La localizzazione di questi punti è in stretta relazione con la localizzazione dei punti dell’agopuntura della medicina tradizionale cinese.


IL PUNTO DI VISTA DELLA MEDICINA ORIENTALE

In Giappone, la Medicina Orientale è definita come la Medicina dell'energia vitale.
La spiegazione della sua efficacia si basa su di un modello energetico invece che su un modello biochimico come quella occidentale. I medici dell'antico Oriente erano consapevoli dell'esistenza di una forza vitale (chiamata Ki in Giapponese o Qi in Cinese), che circola in canali o meridiani nel corpo mettendo in connessione tutte le parti del corpo e le relative funzioni.
Il Ki mantiene e nutre sia il corpo fisico che la mente, mantenendo la circolazione del sangue e della linfa, riscalda il corpo e combatte le malattie. Quando la persona è in salute il Ki circola liberamente nei canali ma se, per qualsiasi ragione il Ki è bloccato, debole o in eccesso, allora i sintomi e secondariamente la malattia prendono il sopravvento.

Durante il trattamento, lo scopo dell'operatore Shiatsu è quello di correggere eventuali distorsioni nel flusso armonico del Ki applicando pressione su punti o zone specifiche del corpo lungo il percorso dei meridiani. Facendo questo, si ottiene un cambiamento nella performance di parte o della globalità del corpo. Cambiamenti nella sfera energetica precedono sempre cambiamenti nella sfera fisica, cosichè possiamo affermare che lo Shiatsu assume un ruolo fondamentale come medicina preventiva, correggendo il flusso energetico prima che la malattia abbia il tempo di manifestarsi. D’altro canto se sono già avvenute alterazioni significative nella sfera fisica, queste possono comunque essere ricondizionate intervenendo sul flusso dell'energia vitale.



                                     HOME     CHI SONO     SCUOLA     TRATTAMENTI    MASTER     ARTICOLI   NEWS  SEDI    INFO    CONTATTI

 
  Holismos Arti per la salute di Massimo Cantara
a Poggibonsi presso Spazio Luce, via della Repubblica, 81 - Cell. 338.3824280

E-mail: info@holismos.com - Web: www.holismos.com


Holismos Arti per la Salute su Linkedin Centro Holismos su Facebook